20141010_liti-condominio

“Stolking Condominiale” – Galera per chi esaspera il vicino di casa

Finalmente una buona notizia, almeno per i miei amici che quotidianamente “litigano” per atti o fatti condominiali. Lo dice la Cassazione!

Esasperare il vicino di casa è reato. Scatta, infatti, il delitto di stalking, quando il comportamento di un condomino diventa talmente esasperante da cagionare il perdurante e grave stato d’ansia e il cambiamento delle abitudini di vita idonei a configurare gli atti persecutori ex art. 612-bis cp.

Ad affermarlo è la Cassazione, con la sentenza n. 26878/2016, ritenendo provata la credibilità e l’esasperazione del querelante e sgombrando il campo da qualsiasi dubbio in ordine alla presenza di “intenti calunniatori o contrasti economici”.

Alla base di una serie di ripetute querele vi era “una reale esasperazione” derivante dalle condotte del condomino indagato che avevano portato il vicino ad assumere tranquillanti, ad assentarsi dal lavoro, mettendo così in atto quel cambiamento delle abitudini di vita rivelatore dello stato di ansia idoneo a configurare il reato di stalking.

Per cui confermata la condanna della misura cautelare della custodia in carcere nei confronti del vicino per il delitto di cui all’art. 612 bis c.p. in danno di vicini di casa. 

La Cassazione consacra così l’estensione del delitto di stalking all’ambito condominiale (inaugurato con Cass. n. 20895/2011 e ribadito, tra le altre, con Cass. n. 3993372013; con Cass. n. 45648/2013).

 

Carmelo Polizzi (C.E.O Midiagroup)

Fonte: Studio Cataldi

 

 

0 commenti

Lascia un Commento

Want to join the discussion?
Feel free to contribute!

Lascia una risposta